Animé porno escort girl creteil

animé porno escort girl creteil

Sinora la famiglia ha vissuto della vendita di ferraglia e di mendicità. All'interno della baraccopoli, le selezioni suscitano gelosie e incomprensioni. La sua sorellina, Bianca, 8 anni, e secondo tutti, una scolara modello. Sette altre famiglie con problemi sanitari saranno prese in carico. All'interno di progetti simili, solo 21 famiglie sono state selezionate a Saint-Denis, e 18 a Aubervilliers. Occorre una visione a scala regionale, soprattutto quando l'Île-de-France è la regione più ricca d'Europa.

Si tratta di una nuova tappa della politica dello Stato che accompagna alcune famiglie e ne espelle altre. Non è una novità, l'abbiamo già visto a Saint-Denis e Aubervilliers. A Saint-Ouen, le grida d' allarme delle associazioni e delle famiglie finalmente sono state ascoltate. Solo, sono state scelte appena 24 famiglie su Le altre sono invitate a lasciare il terreno o il territorio.

Ma questi cittadini europei, che hanno un progetto di vita in Francia, torneranno inevitabilmente ed in tempi molto brevi. Sono i capri espiatori dello Stato. A livello di rispondere all'uguaglianza dei diritti europei, li si tratta come cittadini di seconda scelta.

Lo Stato è troppo repressivo, non abbastanza nell'esame individuale. Con le sue officine industriali ed i terreni abbandonati, questo dipartimento accoglie molti mal-alloggiati. Contrariamente ad altri siti, come l'Hauts-de-Seine, l'espulsione non è immediata. E' una soluzione transitoria accettabile per rispondere all'urgenza dell'indegnità delle baraccopoli e rimettere queste persone nel diritto all'abitare.

La loro prima richiesta è d'integrarsi, di accedere ad alloggi di diritto comune e ad un impiego, di uscire dal regime transitorio della Romania e della Bulgaria i rumeni e i bulgari non possono accedere in Francia che a 62 mestieri - NDLR.

Propos recueillis par M. Un'indicazione della mancanza di interesse su questi argomenti è l'assenza di dati precisi sui Rom morti sotto il nazismo. Gli attivisti Rom indicano una cifra tra Molte delle uccisioni avvennero lontano dai riflettori e non vennero documentate, altre vittime furono elencate come Ebree. Inoltre furono pochissimi i sopravvissuti, soltanto 13 Rom fecero ritorno dai campi di sterminio in Belgio [ Sono stati esclusi dalla Wiedergutmachung la riparazione per i crimini di guerra adducendo il fatto che non sarebbero stati perseguitati per motivi razziali, ma a causa della loro attitudine antisociale.

E' diventato quasi impossibile convincere l'opinione pubblica che anche i Rom hanno sofferto un genocidio. Anche recentemente Yehuda Bauer, direttore dello Yad Vashem Memorial Centre, ha affermato che a differenza degli Ebrei, i Rom non erano un obiettivo centrale della soluzione finale, ma soltanto un "elemento di fastidio". Lo stesso Tribunale di Norimberga non fece mai menzione sui Rom, e vennero poi classificati, come i popoli di pelle scura, come "razzialmente distinti" e di "sangue alieno".

E' vero che sino al , a differenza degli Ebrei, i Rom prestarono servizio militare nella Wehrmacht, da cui furono deportati direttamente ad Auschwitz, come ricorda il sopravvissuto Walter Stanoski Winter cfr. La discriminazione in Europa nasce ben prima del nazionalsocialismo, e fu comune in tutto il continente. In Francia, un primo censimento per identificare Rom e girovaghi, venne fatto nel Nel , venne introdotto un carnet antropometrico per regolare la loro circolazione,completo difotografie e impronte digitali; rimase in vigore sino al Dal , i Rom in Germania furono confinati in campi speciali, ripresi poi anche in Austria.

Oggi sono sotto attacco aperto di politici che dovrebbero conoscerli meglio. I ripetuti sforzi di alcuni titolati accademici Rom,come Ian Hancock, autore di "Risposte al Porrajmos: Questo testo riprende tutta una serie di vecchi stereotipi, che emergono nella società quando, si discute da annisull'opportunità o meno di erigere a Berlino un monumento che ricordi l'Olocausto dei Rom.

Il riconoscere il destino degli Ebrei europei ha reso coscienti sul percolo del latente antisemitismo e ha profondamente cambiato l'attitudine europea nel dopoguerra. Lo stesso non è accaduto per i Rom, tuttora prigionieri di vecchi stereotipi e di un impunito antiziganismo oggi vigoroso come nell'anteguerra. Karin Waringo è giornalista indipendente e ricercatrice.

Preciso che non mi interessa il merito se prestare il servizio militare per i Gitani sia legittimo o meno, visto che nelle varie comunità, anche in Italia , ci sono stati diversi esempi in questo senso. Articolo interessante comunque per conoscere qualcosa sulla vita delle varie comunità nel mondo.

I giovani sono riluttanti. Si nascondono dalla polizia, non hanno documenti e non si spostano più nei villaggi vicini per paura dell'esercito. E' il caso di Harold, gitano di 19 anni, che si nasconde da sei mesi.

Spaventato e con le mani grondanti sudore, si nascose dietro il banco di un negozio. Vive nel timore del servizio militare, senza uscire di casa o di città, né frequenta più l'Università, perché gli manca il libretto militare. Questo [servizio militare] è una cosa inventata dai gadjé [chi non è Rom NDR] - e noi non siamo abituati a quegli orari definiti, neanche a maneggiare le armi e tanto meno a lasciare le nostre famiglie per tutto questo tempo. Il popolo Rom - come si autodefinisce - è considerato gruppo etnico dal col governo di Andrés Pastrana.

Migrati dall'India attorno all'anno si sono dispersi in differenti paesi, senza considerarsi appartenenti a nessuno di questi.

Arrivarono in Colombia in epoca coloniale, per sfuggire alle persecuzioni [europee]. Nei secoli i Rom hanno continuato a mantenere distanti i loro figli dai gadjè per preservare la purezza del loro sangue e infine, della loro cultura. Ma sinora non hanno ottenuto alcuna risposta. La risposta di Juan Guillermo Rojas, comandante del battaglione, è stata: Se è parte di un gruppo etnico, posso anche congedarlo.

Non ho l'autorità per assumere una simile decisione. I portavoce del Ministero della Difesa informano che dal i gitani sono considerati minoranza etnica, ma che non esiste una legge che dica che debbano essere esonerati dal servizio militare. Soltanto chi si dichiara indigeno tra i gruppi riconosciuti come minoranza etnica gli altri sono i gitani e gli afrocolombiani ,dal hanno il diritto di non prestare servizio militare "al fine di proteggere la diversità etnica e culturale della Nazione".

Ora i leaders gitani, chiedono che anche a loro sia garantito il medesimo diritto. Secondo la comunità, in tutta la storia dei gitani in Colombia, solo due sono stati arruolati nell'esercito. Sul suo caso il Ministero non si pronuncia, dato che non esiste un registro etnico di quanti prestino servizio militare. Yiyo Gómez è dell'opinione che i membri della comunità dovrebbero prestare servizio: Altri gitani stanno elaborando un progetto che permetta loro di essere esonerati. Il coordinatore generale di Prorom Proceso Organizativo del Pueblo Rom de Colombia sta valutando se questo sia possibile.

Non saremmo buoni soldati e poi siamo una minoranza di duemila persone. La leva obbligatoria non cambierebbe con la nostra presenza. I gitani in tutto il mondo sono organizzati secondo leggi proprie, basata sul rispetto e l'ordine famigliare, e il valore della persona si giudica dal mantenimento della parola data.

In Colombia i gitani si dedicano a lavorare i metalli e sono commercianti nati. Le donne praticano l'arte della divinazione. Parlano una lingua propria chiamata romanés e vivono uniti in gruppi chiamati kumpanías, dove i gadjé non sono ben visti.

L'ultimo paio di settimane ci hanno offerto un numero di performances esaltanti delle cosiddette bande Zingare, che variano dal sound neo-gypsy della Mahala Rai Band agli ottoni della Fanfare Ciocarlia - i cui suoni ipnotici hanno ammaliato il pubblico nei recenti concerti tenuti al Quattro gig di Shibuya, Tokyo.

Ma forse il piatto forte deve ancora arrivare, con le prossime esibizioni dei Taraf de Haidouks. L'esuberante "banda degli onorati banditi" proverà a collegarsi con lo spirito degli spettatori giappobnesi durante il programmato tour Time of Gypsies Vol. Ma è corretto tutto questo parlare di Zingari e musica zingara? Poi improvvisamente da un po' di tempo la gente ha iniziato a dire 'Oh no, non è corretto, chiamiamoli Rom' Ma se gli Zingari si chiamano tra loro Zingari, questo è solo un problema dei non-Zingari.

Non è un insulto, dipende tutto da come lo si dice. E' un dibattito davvero sterile. Non interessa a nessuno, a parte quelli che vogliono un mondo troppo pulito, piatto e senza montagne.

Winter insiste di nion essere un etnomusicologo, ma è stata la sua ricerca di musicisti in Romania che ha portato alla nascita dei Taraf de Haidouks nel Da allora, i musici da Clejani, Romania, hanno iniziato a suonare nei locali, tre giorni e tre notti durante i matrimoni, girando il mondo e apparendo nei film, incluso il giapponese Il vento piangente titolo giapponese: Hanno registrato quattro album e stanno già lavorando per il prossimo CD, mentre in Giappone dovrebbe uscire a breve il DVD che ripercorre la loro carriera.

Johnny Depp, che è apparso nel film The Man Who Cried assieme ai Taraf de de Haidouks, li descrive come il suo gruppo preferito e li scarrozza nei party privati a Los Angeles, mentre il designer-stilista Yoji Yamamoto li ama talmente che oltre a averli presentati alla sua collezione di Parigi, se potesse li avrebbe fatti sfilare in passerella.

Con questo, Winter intende la libertà stilistica dei musicisti zingari, comparata a come si intende la musica folclorica nei termini di armonia, ritmo e improvvisazione. Sottolinea inoltre che non esiste un repertorio tanto vasto di musica zigana tra le varie comunità sparse in Europa. Invece, sono molto varie le radici interpretative.

A parte un ristretto numero di "its" come "Gelem Gelem", i musicisti tendono ad adattarsi alla musica del paese dove vivono, spiega. Ad una prima impressione, risulta evidente che la differenza tra Taraf de Haidouks e Fanfare Ciocarlia è che il suono dei Taraf si basa su violini e strumenti a corda, a differenza dei fiati che spingono la Ciocarlia.

Ci sono la Moldavia, e poi la Transilvania. Oltenia, Valacchia, dove Taraf de Haidouks e il resto [del paese] ha una tradizione e un modo di vita completamente differente". Mentre la musica dei Balcani è di solito molto veloce, Taraf de Haidouks non carica il coro con la stess intensità della Ciocarlia.

La strumentazione tipica della regione include violini e cimbali - strumenti dolci, il cui suono [Winter] paragona al tocco di un pianoforte, quando percuote le corde con i martelletti. In questo tour, i Taraf de Haidouks schiereranno due violini, un cimbalo, due fisarmoniche, un fiato e tre cantanti, uno dei quali sarà aggiungerà un violino al palcoscenico. La descrizione di Winter rende l'impressione di un'entità piuttosto anarchica.

Dice che la band non ha mai avuto un leader. Compreso Nicolae Neascu, l'ultimo violinista settantenne che è stato un simbolo - ma non un leader - della banda, prima di morire due anni fa. Viceversa, ogni solista si trasforma in leader - finché dura l'assolo. Ma questo non è tanto un riflesso d come si intende la tipica banda zingara, dice. E' più un riflesso dello stile deiTaraf de Haidouks e del loro approccio vitale e istintivo. Comunque, rassicura Winter, il pubblico giapponese sarà immediatamente catturato dal loro entusiasmo.

Nel suo discorso all'inaugurazione, Paul Spiegel, ex presidente del Consiglio Centrale Ebreo, chiese al Governo di non dimenticare gli obblighi verso le altre minoranze che avevano subito le atrocità naziste - ora che aveva fatto la sua parte con il suo impegno verso la comunità ebraica. Da quando ha preso il timone del Consiglio Ebreo nel , Spiegel ha assunto l'incarico di parlare anche per tutti i gruppi di minoranza la cui voce, secondo lui, non arriva al Governo.

Il monumento dovrebbe essere eretto a sud del Reichstag, dove è ospitato il Parlamento. Il Governo si è impegnato per finanziare la costruzione con 2 milioni di euro. Il segretario federale alla cultura, Bernd Neumann, ha affermato in una conferenza stampa che il lavoro svolto sinora ha permesso di concordare quanto dovrà essere scritto sulla piastra alla base del monumento. Ha sottolineato che il suo incontro a maggio con Romani Rose era ancora consuntivo e che i partiti politici dovevano essere consultati sul piano finale.

Lotta continua All'ultima riunione di maggio un piccolo gruppo, Alleanza Sinti, si disse contraria alla proposta di omettere i nomi dei diversi gruppi Rom sulla placca.

Riteneva che tutti quanti avevano patito la persecuzione nazista, dovessero essere ricordati, e per questo ha cercato alleanze tra il partito Liberale e quello Socialdemocratico. Il 17 luglio, Neumann chiese a Romani Rose di tornare al tavolo negoziale, perché venisse presa in considerazione la proposta di Alleanza Sinti. Ma Rose ritiene il CCGSR l'unica voce rappresentativa di Sinti e Rom, e quindi ha rifiutato di continuare i negoziati, cominciando invece una campagna contro i ritardi del governo.

Gli esperti ritengono che oltre 15 anni di baruffe tra gruppi ebraici, organizzazioni civiche e parlamento occorse in passato per la costruzione del Monumento per gli Ebrei Assassinati, possono essere un barometro delle attese di Rom e Sinti per il loro monumento. L'architetto israeliano Dani Karavan ha vinto il concorso per il progetto: Ha già eretto altri monumenti in Germania, incluso quello che fa bella mostra di sé davanti al Parlamento a Berlino.

L'Indépendant - 12 aprile - Pirenei Orientali - da: Un caso unico in Francia accade a Perpignan, nel cuore della zona Saint- Jacques. La famiglia Bouziès è la sola a contare sei generazioni grazie alla nascita di uno pro-pro-pro-nipote il febbraio scorso. Jaia è caduta dal letto. E' la decana delle donne di Saint- Jacques, "la Jeanne" come la chiamano tuttora. Lei, Incarnation Bouziès, nata Reyès, 90 anni. Bis-bis-bis nonna del piccolo Paul nato in febbraio scorso.

Nos en cuidarem nosaltres" il medico deve farla tornare a casa. Ce ne occuperemo noi. Tutti cugini, tutti della stessa famiglia, in un modo o nell'altro. Ed oltre, una dimostrazione quotidiana ed unica.

Sei generazioni strettamente legate tra il ed il e nessun segno di dispersione. Stessa città, stessa zona, stessa via. Rue des Remparts Saint -Jacques 20, è qui che i Bouziès hanno firmato il loro patto di vita in comune. Un arco teso tra il rispetto dei "vecchi" e le frecce infiammate di una sfilza di bambini-re. Nella sala da pranzo di Manuel alias "Papa Vell", la credenza bianca smaltata, che crolla sotto il peso dei soprammobili, è sospeso su il nido intergenerazionale dei Bouziès.

Con "Mama Vella", hanno avuto quattro figli, tredici nipoti, venti pronipoti ed una pro-pro nipote. Sei generazioni al totale! E i nomi che giocano anacronisticamente a cavallina tra vecchio e nuovo testamento, i modelli delle serie televisive americane ed i nomi dati di padre in figlio. Tra Giovanna, Esaie, Samuel, Isaac, Madison, Falone e poi Cubana, non c'è uno solo giorno senza che tutta la famiglia non sia in contatto.

E "Papa Vell" riconosce con voce dal tono profondo "Ci sono momenti che perdo il filo con tutti questi nomi! Manuel, il patriarca Il pilastro, è lui e nessun altro. Quello la cui parola non si discute. Quello a cui atterrano tutte le interrogazioni dell'infanzia, le felicità e a volte i rovesci dell'età adulta.

È un tipo di Dio-padre, orologio della genesi familiare, metronomo delle bugie e verità di fronte al tempo che passa. La mattina, mi ritrovo un figlio o un nipote sul divano. Nella cucina, scopro in seguito che mi hanno cucinato una bistecca. Tutti ci si raggruppa, ci si aiuta Se mio padre mi dice di non comperare quest'automobile ad esempio, allora lo ascolto Il patrimonio della famiglia Vagabondaggio vietato, matrimoni fortemente combinati, segreti conservati gelosamente.

E le donne in questa famiglia labirintica? Non voglio che vada in piazza Cassanyes o piazza du Puig con l'automobile. Certo, i rapporti sono semplificati, le preoccupazioni di base, e tuttavia incessantemente segnate da un'opposizione nostalgica tra "la vita di prima" e la "vita moderna d'oggi".

Si facevano i vecchi lavori, si tosavano gli animali, si vendeva il pizzo o del filo Si parlava il gitan, il kalo. Oggi, i giovani non lo capiscono neppure Eccetto uno dei nostri figli Paul, che fa il pastore Dai Bouziès, la vita si sgrana al figlio delle "assemblee" alla chiesa evangelica, situata a due porte della culla familiare.

Sui tavolini da notte, sempre una bibbia. Sulla tavola, sempre l' escudella , il piatto tipico dei gitani. Una liturgia culinaria trasmessa di madre in figlia. Ma tra le generazioni, poche fotografie legate. Appena alcune flash di matrimonio ingialliti. Neppure nessun gioiello di famiglia. L'eredità materiale non fa parte della tradizione gitane. Uscita dell'ospedale dopo due giorni, passa i suoi giorni circondata dalla sua discendenza demoltiplicata.

Suo padre durante la guerra di Cuba, la vendita di pizzi, di fili e di panni Novanta anni di memorie ed un temperamento di un'acutezza fantastica. E quando voglio qualcosa, bisogna che lo abbia! Ma li voglio tutti con me prima di morire e voglio essere sepolta senza le mie scarpe D'accordo, sembra una barzelletta E di cosa possono aver parlato, se è lecito? Comunque, è stato un incontro pubblico any use should include copyright to the World Bank and credit the photographer.

E' aperta la caccia alla battutaccia, vi ricordo che non siete presidenti del consiglio, e che vi tocca farmi ridere son mica Bruno Vespa, io! A parte questo, e a parte le polemiche sull'utilità o meno del Decennio dell'Inclusione dei Rom , azzardo la mia ipotesi: Il resto, secondo me, è fumo.

Posso sbagliarmi, fatemelo sapere. Dopo cinque anni trascorsi in italia, vivendo in condizioni indescrivibili, torna con il marito in romania. Lorel, cinque figli, campa recuperando tra i rifiuti napoletani rame e alluminio. Florin, in italia da otto anni, fa il muratore e vive in una bella casa. Nelle scorse settimane due casi di presunti tentati rapimenti hanno fatto la prima pagina dei giornali, proprio nel momento in cui il governo varava le nuove misure su clandestini e sicurezza.

Ma è davvero tutta colpa dei rom? E quanti sono davvero quelli irregolari? Come si difendono dalle accuse di essere tutti ladri e malfattori?

I tentativi di risposta nel servizio di Dinorah Cervini e Paul Nicol. Guarda il video modem Guarda il video adsl. In una polverosa strada di Mitrovica, tira il suo carro a lato della strada. Poi tira fuori il cacciavite dalla sua tasca destra. Svita le targhe con la registrazione del Kosovo e le pone all'interno. E' concesso girare senza targhe in questa parte della città, visto che le targhe del Kosovo qui non sono accettate. Dopo diversi posti di blocchi, quando il carro torna in territorio albanese, riavvita le targhe.

In una regione dove ad otto anni dal conflitto tra le forze serbe e gli Albanesi del Kosovo le tensioni etniche rimangono alte, Ramic naviga tra due mondi chiaramente definiti, anche se non appartiene a nessuno dei due. Come le targhe del furgone, Ramic svita ed avvita la sua identità secondo la necessità e convenienza. A migliaia finirono nei campi temporanei, dove sono tuttora.

Come risultato del conflitto, molti Rom -termine a cui vanno aggiunti gli Askali di lingua albanesi e quelli che si chiamano Egizi - hanno adattato la loro identità per sopravvivere. Anche se Ramic si considera Rom, in qualche caso è più sicuro per lui dichiararsi Askali. Rimane incerto quando la regione riguadagnerà abbastanza stabilità perché Ramic possa dichiararsi senza problemi e i Rom facciano ritorno alle loro case. Si attende quest'anno un accordo finale, secondo il quale il Kosovo diventerebbe uno stato indipendente, un trionfo per gli Albanesi, ma una perdita devastante per i Serbi.

In una terra dove tutti rincorrono una loro identità, i Rom - senza nazione e coesione - vivono sul punto di rottura. Molti chiedono soltanto di tornare a casa. Con l'indipendenza e possibili ulteriori violenze. Per questa minoranza, lo status del Kosovo è solo un'altra occasione per vuote promesse ed ulteriori dispersioni. Ramic annuisce ad un uomo in uniforme blu. Rallenta il furgone e si prepara a parlare albanese. Se il poliziotto è un Albanese, oggi Ramic sarà Askali.

Il poliziotto guarda i documenti e riconoscendo la pronuncia di Ramic, gli si rivolge in serbo. Il Rom risponde con un sospiro trattenuto. Diversi kilometri più tardi, il carro si ferma di fronte al ponte che connette la Mitrovica settentrionale alla sua controparte albanese del sud. Parcheggia a diversi metri dal ponte ed aspetta. Situata nella parte più settentrionale del Kosovo, il confine con la parte serba di Mitrovica è considerato una delle aree più a rischio violenza.

In una città dove una divisione tangibile separa un'etnia dall'altra, tanti i Serbi a nord che gli Albanesi a sud, sono particolarmente sensibili sulle conseguenze della possibile indipendenza del Kosovo. Ricorda le rovine fumanti delle case dei suoi vicini, quando cinque anni fa gli Albanesi attaccarono la città.

Il villaggio è un obiettivo sensibile a causa della grande battaglia che nel Medio Evo vide l'esercito ottomano sconfiggere i Serbi, un evento che tuttora genera passioni nazionaliste tra i Serbi.

I musulmani Albanesi sono visti come discendenti dell'oppressore Turco. L'enclave serba conta circa 15 famiglie Serbe e cinque case Rom. Micini teme che gli Albanesi vogliano bruciare il villaggio a predominanza serba e sta disperatamente cercando di vendere casa.

Come molti Rom, d'altronde, non ha i documenti giusti per farlo. La nera stufa a legna riscalda la stanza vuota, illuminata dalla luce elettrica. Dice che si preoccupa di mandare i suoi figli al mercato. Quando hanno bisogno di noi per combattere ci dicono fratelli. Se no, dicono 'Zingari, andatevene. Micini è stato fortunato. Quando ci furono i disordini nel marzo , Micini non era a casa. Era a Pristina con diversi altri parenti maschi.

Non poteva tornare da sua moglie e dai figli a Kosovo Polje, distante 12 kilometri e non vuole rivivere quel senso di impotenza per la terza volta. Se i Serbi che popolano il villaggio saranno forzati ad andare, dice, ai Rom non rimarrà altra scelta che partire pure loro.

Molti Rom ora vivono nelle enclave serbe, piccoli villaggi persi nel Kosovo dove il cirillico prende il posto dell'alfabeto latino usato dagli Albanesi. Divenne soltanto marginalmente più sicuro identificarsi come Askali di lingua albanese. In una regione popolata da Rom che si dichiarano Askali, la guerra e le continue violenze hanno creato una variazione nell'auto-definizione. Ora ne i Rom ne gli Askali sono realmente al sicuro.

Tutti subiscono le conseguenze della guerra. Disegna un cerchio nell'aria. Il pane si sta rompendo in pezzi," dice, simbolizzando la creazione dei Rom, Askali ed Egizi. Siamo tutti Rom e siamo sempre i più poveri. I Rom sono il gruppo di minoranza più povero del Kosovo, agli ultimi posti nella scolarizzazione e col più alto tasso di disoccupazione.

Con pochi soldi e nessun posto dove andare, molti non hanno potuto lasciare la regione dove le loro case sono state date alle fiamme nel Polansky recentemente ha condotto interviste orali a Rom sopravissuti all'Olocausto e dice che l'attuale situazione per i Rom del Kosovo è una pari atrocità.

In nessun altro posto la sofferenza dei Rom in Kosovo è più evidente che nel campo per rifugiati inquinato dal piombo nella parte nord di Mitrovica. Uno di loro, Cesmin Lug, si trova al limite della parte serba di Mitrovica. Cumuli di metallo, da cui ha origine il piombo, percorrono il campo di baracche di latta.

La casa di Sebiha Bajrami è dipinta di rosa e giallo. All'interno, due donne lavorano una pasta e la pongono sulla stufa che riscalda le due stanze. La loro è una delle 40 famiglie che hanno scelto di vivere nel campo contaminato, invece che nel nuovo campo dall'altra parte della strada.

La WHO ha ripetuto che l'esposizione all'aria, all'acqua e al cibo, porta a danni irreversibili al cervello. Le conseguenze sono più profonde per i bambini. Bajrami, che è anche una giornalista rom per la locale stazione radio serba, ha contribuito alla creazione di un'organizzazione femminile che produce tovaglie e tessuti. Qui non è più salubre e sicuro. Quando Bajrami deve avventurarsi nella parte sud di Mitrovica, prende determinate precauzioni. Non si riferisce mai a se stessa come Rom e parla solo albanese.

Una volta, ricorda, fu accostata da un Albanese che aveva riconosciuto il suo nome. Trovami un altro lavoro da fare. Bajrami spera un giorno di aprire una stazione radio rom, una che suoni musica rom tradizionale e si occupi di politica dei Balcani. Ma prima, come tutti nel campo, vuol fare ritorno a casa. Una barriera con un pesante cancello, separa Bajrami e il resto di Mitrovica da Osterode, il nuovo campo dichiarato dall'UNMIK "libero da inquinamenti".

Una guardia albanese osserva dal suo piccolo chiosco. Riconoscendo il camion bianco della Norwegian Church Aid, apre il cancello senza le solite procedure e domande. La OnG norvegese ha preso in carico la gestione del campo, una serie di baracche bianche e un edificio più alto. Nonostante i colori vivaci dei vestiti e delle tovaglie, il campo ha l'influsso austero di una base militare francese.

L'asfalto sostituisce il fango dall'altra parte del cancello. I genitori accompagnano i bambini verso il presidio sanitario, un edificio di due stanze. Qui è iniziato il trattamento per quanti hanno sintomi di avvelenamento da piombo.

La porta seguente, su una lavagna sono scritti "cane" e "gatto", qui c'è la scuola. Poi una scala conduce al centro femminile, dove si insegna igiene. Nonostante questi servizi, gli abitanti ripetono che quella non è casa loro. Ci hanno promesso acqua corrente ed elettricità per tutte le 24 ore, e riscaldamento.

Qui l'inquinamento è migliore, ma i bambini sono ammalati per le condizioni di vita. Hasan Kelmendi, manager del campo per la Norwegian Church Aid conferma che la pressione dell'acqua è inconsistente e lo stesso vale per l'elettricità, ma questa è la situazione che vige in tutta Mitrovica.

Ad ogni famiglia è assegnato una piccola stufa elettrica, che serve a poco quando manca la corrente, dice Gusani, che poi descrive le situazioni in cui si accende un piccolo fuoco sul pavimento per scaldarsi.

Sono stanchi di vagare tra campi, regolamenti e cancelli. E' come vivere in un campo di concentramento. Permettono all'agenzia di controllare che entra nel campo. Poi Fouche ritiene che bruciare le batterie, da cui estrarre il piombo, peggiora il problema dell'inquinamento dei campi.

Poi sottolinea che il nuovo campo di Osterode, che riunisce tre campi in uno, è una soluzione temporanea. Aggiunge che la meta ultima è il ritorno degli abitanti alle loro case. Il suono gutturale delle sillabe tedesche collide con il tono lirico del romanes mentre Feruz Jahirovic apre la porta e saluta la sua famiglia, una delle nuove nel campo. A differenza di Jahirovic, che ha passato otto anni nei campi, nove membri della sua famiglia hanno vissuto gli ultimi 15 anni a Munster, Germania.

Si dividono due stanze in un edificio di mattoni rossi. Quella di Jahirovic è una del crescente numero di famiglie che hanno perso lo status di rifugiati all'estero e sono state forzate al ritorno. Il Consiglio d'Europa stima che oltre 1.

Centomila, la maggior parte dalla Germania, sono a rischio di ritorno forzato. E' difficile per quei bambini interagire con i loro coetanei, dato che questi nuovi arrivi sono cresciuti in Germania e parlano tedesco. Arrivati ad Osterode un anno e mezzo fa, anche loro hanno lasciato una casa. Il ritorno dei rifugiati ha aumentato la pressione sulle autorità internazionali per trovare un posto dove i Rom possano vivere.

A Mitrovica, si stanno costruendo nuove case, al posto delle rovine. Dal suo punto di vista Jahirovic guarda le nuove case che sorgeranno accanto al fiume Ibar a Mitrovica sud. Si ricorda di quando suo fratello aveva stanze spaziose, prima che una delle più ricche e vasta comunità rom fosse distrutta.

Ha nove bambini, più di ogni altro ad Osterode. Jahirovic invece viveva in un villaggio vicino che è stato dato alle fiamme [ Il Consiglio dei Rifugiati Danese si èimpegnato a ricostruire le case di quanti siano in possesso della documentazione adeguata che certifichi che vivevano nel quartiere di Mitrovica sud. Norwegian Church Aid intende costruire le case anche per quanti non hanno documentazione, ma questa iniziativa appare più incerta. Mi interessano la libertà di lavorare, la sicurezza ed i miei bambini," dice Jahirovic guardando la recinzione del campo.

Sino all'anno scorso, l'unica evidenza di quel quartiere erano resti di pareti di mattoni e muri sbriciolati. Per quanti faranno ritorno alla mahala, la sua posizione a Mitrovica sud significa un cambio di servizi e linguaggi. Quanti vivono nei campi ricevono i servizi sociali dal governo serbo ed anche i bambini frequentano le scuole serbe.

Quanti faranno ritorno alla mahala dovranno andare nelle scuole albanesi e non riceveranno più aiuti dalla Serbia. Con queste incertezze alcuni Rom, come il loro leader Gusani, rifiutano di tornare nel loro vecchio quartiere. Come Gusani, molti Rom hanno timore di ritornare nel quartiere da cui sono stati espulsi.

Dice Fouche che la forza internazionale di pace controllerà ogni due ore l'area, ma Gusani nega che nessun gliel'abbia mai comunicato. Se deve andarci da solo, dice di provenire dal quartiere Askali. Tina Gidzic, una donna rom di 20 anni, prova crampi allo stomaco quando guida verso il suo ex-villaggio, Dobrevo.

La città ora è un cumulo di macerie osservabile dall'autostrada Pristina—Mitrovica. Lei nn ha speranze di ritorno. Gidzic ricorda di essere cresciuta col suono delle bombe e sua madre che le diceva di non uscire da casa.

Suo fratello più giovane è nato a Preoce, una piccola enclave serba a 10 km. Anche se non sempre sono un bersaglio, ma si trovano sulla linea di fuoco, pensa Gidzic. Tina scende dalla macchina e rinchiude il cancello della nuova casa della sua famiglia, una struttura che apparteneva a suo nonno. Raggiunge sua madre, riscaldandosi in una stanza dove funziona la stufa. Sua madre, Miradija, piange ancora quando vede la foto della vecchia casa di Dobrevo. I Rom non sono tutti silenti sull'argomento indipendenza, neanche Gidzic lo è.

Dopo otto anni di identità fluttuanti e in una terra che potrebbe mai essere la loro, alcuni Rom stanno reagendo. Gli attivisti criticano apertamente la missione ONU.

Recentemente hanno prodotto un documento dove indicano i loro desideri rispetto al Kosovo indipendente. Tra le loro richieste la partecipazione alle decisioni sullo status del Kosovo, come pure la strategia di ritorno per i rifugiati. Continua a spostare le sue targhe e parla di una discussione avuta con un abitante di Kosovo Polje.

Stanno considerando di iniziare un affare importando scarpe dall'Albania e rivendendole a buon mercato nel Kosovo. Poi si ferma, gli appare un sorriso sul volto e conclude "Se esisteremo ancora.

Milano, 2 marzo Il poeta e difensore dei diritti umani autograferà il libro. Il Consiglio di Zona 4, pur condannando ogni forma di occupazione abusiva della proprietà privata e di quella pubblica, chiede che: Gli Zingari del campo avevano paura di tornare a vivere accanto ai vicini albanesi che li avevano cacciati nel Inoltre, tutti i loro bambini ora erano andati alle scuole serbe a Mitrovica nord per otto anni e non volevano imparare una nuova lingua prima di frequentare le scuole albanesi a sud.

Naturalmente, i Serbi e questo Albanese non si videro mai di persona e non venne offerto nessun terreno.

Ciononostante, andai da solo a Belgrado e dopo incontri con gli incaricati del governo, mi fu assicurato che se gli Zingari del campo volevano rimanere a nord, si sarebbe trovato un terreno per loro. I Rom che avevano già fatto ritorno al loro vecchio quartiere non vennero curati, nonostante mostrassero alti livelli di piombo un anno dopo aver lasciato i campi.

Nel contempo, l'UNHCR convinse il governo del Kosovo ad assumere l'amministrazione dei campi, togliendo all'ONU la responsabilità degli Zingari dei campi che continuavano a morire di complicazioni legate all'avvelenamento da piombo. Nel loro mandato, i giudici UE dovevano consigliare e sorvegliare il sistema giudiziario kosovaro ed intervenire solo nei casi di "accadimento di serio crimine" che il governo del Kosovo rifiutava di perseguire.

Anche se avevo coinvolto diversi avvocati nei casi contro l'ONU a favore degli Zingari dei campi, non era sin qui trapelato niente perché l'ONU tentava di nascondere le proprie responsabilità sotto lo scudo dell'immunità. Fidandomi dunque negli standard europei di giustizia, scrissi al capo della missione EULEX, chiedendo un appuntamento per discutere questo "grave crimine di negligenza infantile di massa", che dava come risultato oltre 80 morti e danni cerebrali irreversibili a tutti i bambini zingari nei campi.

Feel free to surf to my web blog; how to Get rid Of dark Circles. I definitely appreciate this website. Continue the good work! I learn something new and challenging on blogs I stumbleupon everyday.

It as always useful to read through content from other authors and practice something from other web sites. Usually I don at learn article on blogs, however I would like to say that this write-up very forced me to try and do it!

Your writing taste has been amazed me. Thank you, very nice article. What might you recommend in regards to your submit that you simply made a few days ago? You can definitely see your expertise in the work you write. The arena hopes for even more passionate writers such as you who aren at afraid to say how they believe. Always follow your heart. Wow, awesome blog layout! How lengthy have you been blogging for? The full glance of your web site is magnificent, let alone the content!

Whats Happening i am new to this, I stumbled upon this I ave discovered It positively useful and it has aided me out loads.

It as nearly impossible to find experienced people for this subject, however, you sound like you know what you are talking about! Very nice article and right to the point. I am not sure if this is really the best place to ask but do you guys have any ideea where to employ some professional writers?

You made some decent points there. I looked on the internet for the issue and found most individuals will go along with with your site. This unique blog is without a doubt awesome and besides amusing. I have chosen helluva interesting tips out of this amazing blog. I ad love to come back every once in a while.

I truly appreciate this post. I have been looking everywhere for this! Thank goodness I found it on Bing. You have made my day! Yahoo results While browsing Yahoo I found this page in the results and I didn at think it fit. This particular blog is no doubt educating and besides amusing. I have found a bunch of interesting things out of this blog.

I ad love to go back again soon. Thankyou for this terrific post, I am glad I discovered this website on yahoo. Major thanks for the blog post. This is a great tip particularly to those fresh to the blogosphere. Short but very precise information Thanks for sharing this one. A must read article! I wonder why the opposite experts of this sector do not realize this. You should continue your writing. I am confident, you ave a great readers a base already! Many thanks for sharing this very good piece.

This was a really wonderful article. Thank you for supplying this information. Very nice info and straight to the point. I don at know if this is actually the best place to ask but do you folks have any ideea where to employ some professional writers?

Im obliged for the blog post. How long have you been running a blog for? The full look of your website is fantastic, let alone the content material!

Useful information for all Great remarkable issues here. I am very satisfied to look your article. Thanks a lot and i am taking a look ahead to touch you. Will you kindly drop me a e-mail? Its hard to find good help I am forever saying that its hard to procure quality help, but here is.

It as nearly impossible to find knowledgeable people on this subject, but you sound like you know what you are talking about! How long have you been blogging for? The overall look of your website is excellent, as well as the content!

I always wanted to write in my blog something similar to that. Can My spouse and i implement a part of your submit to my own site?

Louis Vuitton Outlet Well done! Drinking water might have been more useful, but hey. Thanks a lot for the blog article. Loving the info on this website , you have done outstanding job on the blog posts. I reckon something really interesting about your web blog so I saved to my bookmarks. I was suggested this website by my cousin. I am not sure whether this post is written by him as nobody else know such detailed about my problem.

This can be one particular of the most useful blogs We have ever arrive across on this subject. I am also a specialist in this topic so I can understand your hard work. Wanted to drop a remark and let you know your Feed isnt functioning today. I tried including it to my Bing reader account and got nothing. Thanks a lot for the article post. That as in fact a good movie stated in this post about how to write a piece of writing, therefore i got clear idea from here.

It is really a great and helpful piece of info. I am glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. I am glad that you shared this useful info with us. Some very valid points! I appreciate you writing this post and also the rest of the site is extremely good.

Really enjoyed this article post. Usually I don at learn post on blogs, but I wish to say that this write-up very forced me to take a look at and do it! Your writing taste has been surprised me.

Thank you, very great post. Thank you for any other excellent post. Where else may just anyone get that type of information in such an ideal way of writing? I ave a presentation next week, and I am at the look for such info. This blog was how do I say it? Finally I have found something that helped me. You, my pal, ROCK!

I found just the information I already searched everywhere and simply could not find it. What an ideal site. It seems like you are generating problems oneself by trying to remedy this concern instead of looking at why their can be a difficulty in the first place.

I wanted to thank you for this very good read!! I definitely enjoyed every bit of it. I ave got you saved as a favorite to check out new things you post. Thank you ever so for you article. Wow, fantastic blog layout! The overall look of your web site is excellent, let alone the content! Spot on with this write-up, I really suppose this website needs much more consideration. I truly appreciate this blog. Did you hire out a developer to create your theme? It as hard to come by well-informed people about this topic, but you seem like you know what you are talking about!

This blog looks exactly like my old one! It as on a totally different topic but it has pretty much the same layout and design. Great choice of colors! We are linking to this particularly great article on our site.

Keep up the great writing. Well I definitely enjoyed studying it. This subject offered by you is very constructive for good planning. Absolutely no, after the opening, the three points within the database and didn't struck two shots, on your contrary, the knight three points would hit numerous over there. Garage or focus on defense, he para such as lebron, Irwin, JR. In driving, did well in the Treasury, the ball with a teammate are fed correctly, but Mr Chu in many opportunity attack. This is also the warriors in the very first 3-pointer today.

Soon, the Treasury and using second chances about the right side of the beds base again in a 3 items! It is worth mentioning which the opening, the garage suitable arm was wearing any black gear, it is additionally because his right elbow in the game before the old injury carries a relapse, however, with the experience, he has to take off protective devices.

Gear, it appears, has affected the take care of, before he took off as i feel much better. In breakthrough, garage can be a difficult moves, a myriad of people all the technique up his defense, as well as lebron, but Treasury first in a myriad of dazzling dribble move Thompson, immediately after air and rival accident cases, the hard for you to score. But as knight defeat from the second half, even the one-on-one hit his things. In this series, OuWenBen really should have certain advantages in counterpoint, such as finals last year, as the season of Christmas competitions, with their strong personalized fortunes turned.

Actually, today quite often was clay - Thompson Lord Owen, although Owen hit a dead when in front of him, but clay height reach or up to a point, limits the Owen's invasion. In only a few times when confronted with single singled out with his Arsenal, although Owen features good performance, but also it's hard an extra shot for a knight. Facing the big four from the mighty, and only Michael Owen in one-on-one gain garage have chances, but today's garage to perform better.

Era a Pristina con diversi altri parenti maschi. Non poteva tornare da sua moglie e dai figli a Kosovo Polje, distante 12 kilometri e non vuole rivivere quel senso di impotenza per la terza volta. Se i Serbi che popolano il villaggio saranno forzati ad andare, dice, ai Rom non rimarrà altra scelta che partire pure loro.

Molti Rom ora vivono nelle enclave serbe, piccoli villaggi persi nel Kosovo dove il cirillico prende il posto dell'alfabeto latino usato dagli Albanesi. Divenne soltanto marginalmente più sicuro identificarsi come Askali di lingua albanese. In una regione popolata da Rom che si dichiarano Askali, la guerra e le continue violenze hanno creato una variazione nell'auto-definizione. Ora ne i Rom ne gli Askali sono realmente al sicuro. Tutti subiscono le conseguenze della guerra. Disegna un cerchio nell'aria.

Il pane si sta rompendo in pezzi," dice, simbolizzando la creazione dei Rom, Askali ed Egizi. Siamo tutti Rom e siamo sempre i più poveri. I Rom sono il gruppo di minoranza più povero del Kosovo, agli ultimi posti nella scolarizzazione e col più alto tasso di disoccupazione. Con pochi soldi e nessun posto dove andare, molti non hanno potuto lasciare la regione dove le loro case sono state date alle fiamme nel Polansky recentemente ha condotto interviste orali a Rom sopravissuti all'Olocausto e dice che l'attuale situazione per i Rom del Kosovo è una pari atrocità.

In nessun altro posto la sofferenza dei Rom in Kosovo è più evidente che nel campo per rifugiati inquinato dal piombo nella parte nord di Mitrovica.

Uno di loro, Cesmin Lug, si trova al limite della parte serba di Mitrovica. Cumuli di metallo, da cui ha origine il piombo, percorrono il campo di baracche di latta. La casa di Sebiha Bajrami è dipinta di rosa e giallo. All'interno, due donne lavorano una pasta e la pongono sulla stufa che riscalda le due stanze. La loro è una delle 40 famiglie che hanno scelto di vivere nel campo contaminato, invece che nel nuovo campo dall'altra parte della strada.

La WHO ha ripetuto che l'esposizione all'aria, all'acqua e al cibo, porta a danni irreversibili al cervello. Le conseguenze sono più profonde per i bambini. Bajrami, che è anche una giornalista rom per la locale stazione radio serba, ha contribuito alla creazione di un'organizzazione femminile che produce tovaglie e tessuti.

Qui non è più salubre e sicuro. Quando Bajrami deve avventurarsi nella parte sud di Mitrovica, prende determinate precauzioni. Non si riferisce mai a se stessa come Rom e parla solo albanese.

Una volta, ricorda, fu accostata da un Albanese che aveva riconosciuto il suo nome. Trovami un altro lavoro da fare. Bajrami spera un giorno di aprire una stazione radio rom, una che suoni musica rom tradizionale e si occupi di politica dei Balcani. Ma prima, come tutti nel campo, vuol fare ritorno a casa.

Una barriera con un pesante cancello, separa Bajrami e il resto di Mitrovica da Osterode, il nuovo campo dichiarato dall'UNMIK "libero da inquinamenti".

Una guardia albanese osserva dal suo piccolo chiosco. Riconoscendo il camion bianco della Norwegian Church Aid, apre il cancello senza le solite procedure e domande. La OnG norvegese ha preso in carico la gestione del campo, una serie di baracche bianche e un edificio più alto.

Nonostante i colori vivaci dei vestiti e delle tovaglie, il campo ha l'influsso austero di una base militare francese. L'asfalto sostituisce il fango dall'altra parte del cancello.

I genitori accompagnano i bambini verso il presidio sanitario, un edificio di due stanze. Qui è iniziato il trattamento per quanti hanno sintomi di avvelenamento da piombo. La porta seguente, su una lavagna sono scritti "cane" e "gatto", qui c'è la scuola. Poi una scala conduce al centro femminile, dove si insegna igiene.

Nonostante questi servizi, gli abitanti ripetono che quella non è casa loro. Ci hanno promesso acqua corrente ed elettricità per tutte le 24 ore, e riscaldamento. Qui l'inquinamento è migliore, ma i bambini sono ammalati per le condizioni di vita. Hasan Kelmendi, manager del campo per la Norwegian Church Aid conferma che la pressione dell'acqua è inconsistente e lo stesso vale per l'elettricità, ma questa è la situazione che vige in tutta Mitrovica.

Ad ogni famiglia è assegnato una piccola stufa elettrica, che serve a poco quando manca la corrente, dice Gusani, che poi descrive le situazioni in cui si accende un piccolo fuoco sul pavimento per scaldarsi. Sono stanchi di vagare tra campi, regolamenti e cancelli. E' come vivere in un campo di concentramento. Permettono all'agenzia di controllare che entra nel campo. Poi Fouche ritiene che bruciare le batterie, da cui estrarre il piombo, peggiora il problema dell'inquinamento dei campi.

Poi sottolinea che il nuovo campo di Osterode, che riunisce tre campi in uno, è una soluzione temporanea. Aggiunge che la meta ultima è il ritorno degli abitanti alle loro case.

Il suono gutturale delle sillabe tedesche collide con il tono lirico del romanes mentre Feruz Jahirovic apre la porta e saluta la sua famiglia, una delle nuove nel campo. A differenza di Jahirovic, che ha passato otto anni nei campi, nove membri della sua famiglia hanno vissuto gli ultimi 15 anni a Munster, Germania. Si dividono due stanze in un edificio di mattoni rossi. Quella di Jahirovic è una del crescente numero di famiglie che hanno perso lo status di rifugiati all'estero e sono state forzate al ritorno.

Il Consiglio d'Europa stima che oltre 1. Centomila, la maggior parte dalla Germania, sono a rischio di ritorno forzato.

E' difficile per quei bambini interagire con i loro coetanei, dato che questi nuovi arrivi sono cresciuti in Germania e parlano tedesco. Arrivati ad Osterode un anno e mezzo fa, anche loro hanno lasciato una casa.

Il ritorno dei rifugiati ha aumentato la pressione sulle autorità internazionali per trovare un posto dove i Rom possano vivere. A Mitrovica, si stanno costruendo nuove case, al posto delle rovine. Dal suo punto di vista Jahirovic guarda le nuove case che sorgeranno accanto al fiume Ibar a Mitrovica sud.

Si ricorda di quando suo fratello aveva stanze spaziose, prima che una delle più ricche e vasta comunità rom fosse distrutta.

Ha nove bambini, più di ogni altro ad Osterode. Jahirovic invece viveva in un villaggio vicino che è stato dato alle fiamme [ Il Consiglio dei Rifugiati Danese si èimpegnato a ricostruire le case di quanti siano in possesso della documentazione adeguata che certifichi che vivevano nel quartiere di Mitrovica sud. Norwegian Church Aid intende costruire le case anche per quanti non hanno documentazione, ma questa iniziativa appare più incerta. Mi interessano la libertà di lavorare, la sicurezza ed i miei bambini," dice Jahirovic guardando la recinzione del campo.

Sino all'anno scorso, l'unica evidenza di quel quartiere erano resti di pareti di mattoni e muri sbriciolati. Per quanti faranno ritorno alla mahala, la sua posizione a Mitrovica sud significa un cambio di servizi e linguaggi. Quanti vivono nei campi ricevono i servizi sociali dal governo serbo ed anche i bambini frequentano le scuole serbe. Quanti faranno ritorno alla mahala dovranno andare nelle scuole albanesi e non riceveranno più aiuti dalla Serbia.

Con queste incertezze alcuni Rom, come il loro leader Gusani, rifiutano di tornare nel loro vecchio quartiere. Come Gusani, molti Rom hanno timore di ritornare nel quartiere da cui sono stati espulsi. Dice Fouche che la forza internazionale di pace controllerà ogni due ore l'area, ma Gusani nega che nessun gliel'abbia mai comunicato.

Se deve andarci da solo, dice di provenire dal quartiere Askali. Tina Gidzic, una donna rom di 20 anni, prova crampi allo stomaco quando guida verso il suo ex-villaggio, Dobrevo. La città ora è un cumulo di macerie osservabile dall'autostrada Pristina—Mitrovica. Lei nn ha speranze di ritorno. Gidzic ricorda di essere cresciuta col suono delle bombe e sua madre che le diceva di non uscire da casa.

Suo fratello più giovane è nato a Preoce, una piccola enclave serba a 10 km. Anche se non sempre sono un bersaglio, ma si trovano sulla linea di fuoco, pensa Gidzic. Tina scende dalla macchina e rinchiude il cancello della nuova casa della sua famiglia, una struttura che apparteneva a suo nonno. Raggiunge sua madre, riscaldandosi in una stanza dove funziona la stufa. Sua madre, Miradija, piange ancora quando vede la foto della vecchia casa di Dobrevo.

I Rom non sono tutti silenti sull'argomento indipendenza, neanche Gidzic lo è. Dopo otto anni di identità fluttuanti e in una terra che potrebbe mai essere la loro, alcuni Rom stanno reagendo. Gli attivisti criticano apertamente la missione ONU. Recentemente hanno prodotto un documento dove indicano i loro desideri rispetto al Kosovo indipendente. Tra le loro richieste la partecipazione alle decisioni sullo status del Kosovo, come pure la strategia di ritorno per i rifugiati.

Continua a spostare le sue targhe e parla di una discussione avuta con un abitante di Kosovo Polje. Stanno considerando di iniziare un affare importando scarpe dall'Albania e rivendendole a buon mercato nel Kosovo. Poi si ferma, gli appare un sorriso sul volto e conclude "Se esisteremo ancora. Milano, 2 marzo Il poeta e difensore dei diritti umani autograferà il libro.

Il Consiglio di Zona 4, pur condannando ogni forma di occupazione abusiva della proprietà privata e di quella pubblica, chiede che: Gli Zingari del campo avevano paura di tornare a vivere accanto ai vicini albanesi che li avevano cacciati nel Inoltre, tutti i loro bambini ora erano andati alle scuole serbe a Mitrovica nord per otto anni e non volevano imparare una nuova lingua prima di frequentare le scuole albanesi a sud.

Naturalmente, i Serbi e questo Albanese non si videro mai di persona e non venne offerto nessun terreno. Ciononostante, andai da solo a Belgrado e dopo incontri con gli incaricati del governo, mi fu assicurato che se gli Zingari del campo volevano rimanere a nord, si sarebbe trovato un terreno per loro. I Rom che avevano già fatto ritorno al loro vecchio quartiere non vennero curati, nonostante mostrassero alti livelli di piombo un anno dopo aver lasciato i campi.

Nel contempo, l'UNHCR convinse il governo del Kosovo ad assumere l'amministrazione dei campi, togliendo all'ONU la responsabilità degli Zingari dei campi che continuavano a morire di complicazioni legate all'avvelenamento da piombo.

Nel loro mandato, i giudici UE dovevano consigliare e sorvegliare il sistema giudiziario kosovaro ed intervenire solo nei casi di "accadimento di serio crimine" che il governo del Kosovo rifiutava di perseguire.

Anche se avevo coinvolto diversi avvocati nei casi contro l'ONU a favore degli Zingari dei campi, non era sin qui trapelato niente perché l'ONU tentava di nascondere le proprie responsabilità sotto lo scudo dell'immunità. Fidandomi dunque negli standard europei di giustizia, scrissi al capo della missione EULEX, chiedendo un appuntamento per discutere questo "grave crimine di negligenza infantile di massa", che dava come risultato oltre 80 morti e danni cerebrali irreversibili a tutti i bambini zingari nei campi.

Guardando indietro, vedo un forte continuum francese in questa tragedia senza senso che dura da 11 anni: Forse la ragione è nella loro storia o nella loro tradizione. Durante la II guerra mondiale nella repubblica di Vichy chiamata anche Francia Libera i Francesi avevano più campi di concentramento solo per zingari 9 che qualsiasi altro paese d'Europa, Germania compresa. C'erano almeno 40 altri campi come Camp Gurs Pirenei Atlantici dove altri piccoli gruppi di Zingari erano detenuti per i lavori forzati.

Considerando questi terribili fatti, non è difficile capire perché le truppe francesi rifiutarono di fermare gli Albanesi kosovari dalla pulizia etnica di 8. Bernard Kouchner non volesse perdere il suo tempo cercando di salvare 4. Dopo tutto, tradition is tradition.

Naturalmente, non sono solo i Francesi ad avere responsabilità in questa tragedia senza senso. Nelle pagine seguenti leggerete di quanti avrebbero potuto aiutare e non l'hanno fatto. Tu, lettore, devi decidere se si meritano questi anti-premi Dal giugno , il Kosovo è stato amministrato dalle Nazioni Unite in base alla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza. L'SRSG ha pieni poteri nello sviluppare qualsiasi azione ritenuta necessaria per il bene pubblico in Kosovo. In entrambe i casi, la maggior parte della gente rifiutava di andarsene e dovette essere evacuata a forza.

Nonostante questi e molti altri precedenti, tutti gli SRSG hanno rifiutato di evacuare i Rom e gli Askali che dal vivono nei campi ONU costruiti su terreno contaminato. Anche se molti dei loro bambini hanno i più alti livelli di piombo nella letteratura medica, e molti sono nati con danni irreversibili al cervello a causa dell'avvelenamento da piombo, l'UNHCR incaricata dei campi sino al dicembre ha rifiutato di ottemperare alla richiesta della sua agenzia sorella ONU, l'Organizzazione Mondiale della Sanità, di evacuare immediatamente i campi e fornire cure urgenti.

Tratta da Wikimedia Commons - clicca sull'immagine per vedere la mappa a grandezza naturale. Dei campi profughi in Kosovo avvelenati dal piombo, qui se n'è parlato parecchio, praticamente da quando esiste questo blog. Il mese scorso, mi è stato regalato un libretto in inglese non disponibile in Italia , con i nomi di tutti quanti hanno colpevolmente contribuito a creare questa situazione.

Questa è la prima: L'Organizzazione Mondiale della Sanità gli aveva già detto che questo era il peggiore avvelenamento da piombo mai verificatosi in Europa e forse nel mondo. Questo libro ti dice, Nick, chi è stato responsabile di questa negligenza mortale e senza senso. Nessuna casa è stata bruciata. Gli Albanesi semplicemente hanno sventrato le case per sottrarne mattoni, infissi, porte e finestre. Anche se l'Armata di Liberazione del Kosovo ALK e gli estremisti di etnia albanese iniziarono questa tragedia senza senso durante l'estate , poterono farlo semplicemente perché le truppe NATO francesi permisero che questa pulizia etnica avesse luogo.

Non successe in una sola notte. Ci vollero tre mesi perché tutte le famiglie rom e Askali circa 8. Presi una macchina in prestito e guidai verso la scena. Quando arrivai, molti Zingari stavano supplicando i soldati francesi armati di tutto punto di salvarli.

Li raggiunsi, chiedendo ai soldati francesi di intervenire. Un ufficiale francese mi disse rudemente che le truppe NATO non erano una forza di polizia. Poi venni trattenuto e portato al quartiere generale dell'esercito francese in un albergo del centro città. Mi sequestrarono le foto e mi dissero che non avevo il permesso di ritornare nel settore francese del Kosovo.

Una settimana dopo ritornai, usando un permesso stampa con un nome differente. Trovai circa Zingari di Mitrovica rifugiati in una scuola serba sul lato opposto del fiume Ibar.

Non avevano cibo, né sapone. I bagni erano straripati. Ancora nessuna agenzia di aiuto li aveva scoperti; o, secondo qualcuno, li ignoravano. A metà settembre i Serbi rivolevano l'edificio per l'anno scolastico. Depositi di scorie tossiche circondavano il campo zingaro. Potevi odorare gli elementi tossici. Quando soffiava il vento, la polvere di piombo copriva tutto e rendeva difficile respirare. Poi sarebbero stati riportati alle loro case e protetti dalle truppe francesi o portati come rifugiati in un altro paese.

Disse di essere un dottore. Comprendeva il pericolo di minaccia alle vite nel vivere su o accanto a depositi di scorie tossiche. A novembre tornai negli Stati Uniti per scrivere delle mie esperienze in Kosovo. Quando tornai la primavera successiva per visitare gli insediamenti delle minoranze in Kosovo e riportare delle loro condizioni alla Società per i Popoli Minacciati GFBV , visitai questi Zingari di Mitrovica. Non erano tornati alle loro case o in un paese terzo. Ora erano alloggiati in baracche temporanee, tutte su terreno contaminato.

Ero anche scioccato di scoprire che il mio amico David Reily, 50 anni, era morto a gennaio nel suo appartamento a Pristina per un attacco di cuore. Tuttavia, fui incoraggiato perché il dr. Kouchner aveva ordinato alla propria squadra medica ONU di prendere campioni sanguigni dai bambini zingari che vivevano sui depositi tossici, per vedere se le loro vite fossero in pericolo.

Ritornai negli USA prima che i risultati fossero resi noti. Ma quando ritornai in Kosovo la primavera seguente e trovai che gli Zingari vivevano ancora in questi tre campi, amministrati dall'Agenzia svizzera di Soccorso ACT e dal loro partner di sviluppo: Norwegian Church Aid, immaginai che la squadra medica di Kouchner avesse trovato il sito sicuro. Anche se io e Kouchner nel ci scambiammo della corrispondenza sulla situazione degli altri Rom e Askali, della loro mancanza di libertà di movimento in altre parti del Kosovo e sulla mancanza di aiuti umanitari, non vidi più Kouchner.

Ora, vivendo a tempo pieno in Kosovo, mi tenevo in contatto regolare con gli Zingari dei campi posti su terreni tossici. Quando nel ACT e NCA smisero di consegnare cibo e prodotti igienici, iniziai a fornire agli Zingari quel poco aiuto che riuscivo a trovare. Poi alcuni dei bambini morirono. Frequentava l'asilo del campo, quando la sua maestra si accorse che Jenita stava perdendo la memoria e aveva difficoltà a camminare. La causa della morte fu diagnosticata in "herpes", un'infezione non fatale a meno di malfunzionamenti del sistema immunitario.

Come per l'Aids, l'avvelenamento da piombo distrugge il sistema immunitario specialmente nei bambini di età inferiore ai sei anni. I risultati scioccarono tutti. I livelli di piombo in molti bambini erano più alti di quanto le apparecchiature mediche potessero misurare. Coppia trova una nuova vita a Lambton.

La coppia che vive sposata a Watford, oggi ha prestato giuramento durante una cerimonia di cittadinanza a Londra. Per Anna, 57 anni, e Karel, 61 anni, il Canada offre la libertà e la pace che la coppia non ha mai avuto nel paese nativo. I Rom sono ampliamente discriminati in Europa, dice Mary Janes, una donna di Watford che assieme al marito Paul, ha aiutato i Kyncl a stabilirsi in Canada e superare la barriera linguistica.

Per lei, si pensava che volesse migliorare il suo status sociale sposando un bianco. Karel è stato insultato e percosso ed Anna minacciata di continuo, tanto che aveva difficoltà a dormire. Hanno fatto richiesta dello status di rifugiati, che è stato loro negato nel E' stato allora che la comunità è intervenuta. Karel ha la patente di guida e lavora nelle costruzioni, mentre Anna ha un'attività in proprio di pulizie domestiche. Qui sono felici, gli piace vivere a Watford.

Sono una risorsa per la comunità grazie al nostro interessamento. La coppia di sposi era arrivata in Canada ed aveva chiesto lo stato di rifugiati nel Video in inglese pubblicato dal Guardian.

Per undici anni abbiamo tentato di far evacuare dall'ONU i campi rom in Kosovo dove i bambini hanno i più alti livelli di piombo nella letteratura medica. Dato che l'ONU non vuole ascoltare le nostre richieste a favore di questi bambini, stiamo promuovendo una petizione mondiale rivolta al Presidente Obama, chiedendogli di evacuare i campi meno di uomini, donne e bambini e di curarli presso le basi militari americane in Kosovo.

Questo il link per firmare la petizione:. Vi chiedo di inoltrare questa mail ai vostri amici, il più possibile, e chiedere loro di aiutarci a salvare questi bambini e le loro famiglie. Sul tavolino tanti libri e due bicchieri di birra. So che la sera mi aspetta un compito non facile: Per fortuna il posto è tranquillo. Paul mi ha riassunto i capitoli principali, a cui ho dato una rapida scorsa, poi gli faccio alcune domande su quelle che mi sembrano le questioni chiave sollevate.

Lui annuisce e si concentra nella traduzione in spagnolo di alcune sue poesie. Leggo con attenzione ma poca partecipazione l'introduzione di Pietro Marcenaro e poi quella sua. Passo alle pagine interne, scorro la prima parte sulla Spagna. E da questo momento termina la mia intenzione di leggere a caso e la mia improbabile carriera di critico. Perché quando passo distrattamente al secondo capitolo, la storia diventa un film breve e appassionante che non riesco ad abbandonare: Riconosco il loro modo di parlare e ricordare, le strade percorse, le loro vicissitudini, forse ne sento persino l'odore.

Ho persino paura che qualcuno possa notare il mio turbamento. Cerco di calmarlo uscendo a fumare una sigaretta. A parte questo, cosa potete trovare in pagine, al prezzo di 18 euro? Chi già conosce l'autore, troverà la risposta ad una domanda che viene naturale farsi: Chi non lo conosce, potrà fare un viaggio introduttivo nella storia, cultura, religione, dei popoli rom e sinti in Europa e altrove. Polansky è nel contempo un antropologo severo ed un testimone partecipe.

Le loro parole e la loro mente: Si misero a suonare, ed eruppe una musica che a decine di migliaia di km. Indian Rajasthan Gypsy dance. L'importante è approcciarlo con la serietà e la passione necessarie. L'amore delle madri per i loro figli mi ricorda l'amore della mia per i suoi sette figli. Infatti, ho notato che le madri, e in generale le famiglie gitane, sono molto più premurose di quanto non siano le famiglie europee o americane di oggi.

Gli Zingari anziani non vengono messi in case di cura come fossero dei lebbrosi ma, al contrario, vengono accuditi e rispettati nella propria casa e dalla propria famiglia. Grazie Dio, per aver creato gli Zingari. Possano essi ereditare la terra, come Dio ha promesso loro! Credo, senza modestia, di essere stato fra i primi a parlare in Italia di Paul Polansky.

Ho ritrovato nel gruppo di discussione Arcobaleno a Foggia il primo articolo di Polansky che tradussi in italiano. Sono passati solo 6 anni. Una testimonianza di come si vive va? Sono uscito, in tempo per incrociare un signore che a braccia trasportava un bambino in stato di incoscienza.

Il bambino vestiva calzoncini, T-shirt ed era senza scarpe. Il braccio era rotto in due punti, trattenuti a malapena da qualche lembo di pelle. C'è una piccola clinica serba a solo 4 chilometri, ma i genitori hanno voluto che li accompagnassi a un altro ospedale più grande, a 10 Km.

Tre anni fa, era stato costruito da Medicine du Monde di Grecia, per donarlo alla comunità serba. Mentre parcheggiavo il furgone, Dija, la nostra interprete, era già balzata a terra col bimbo in braccio, che nel frattempo era rinvenuto e stava piangendo.

Ho aspettato 45 minuti nel parcheggio e alla fine Dija è tornata, sempre con il bambino il cui braccio era nelle condizioni di prima, tenuto assieme da una steccatura di fortuna. Pochi passi dietro ai due, camminava la madre piangendo lentamente nelle pieghe del suo velo. Appena arrivata nella sala per le emergenze, aveva spiegato di cosa si trattasse, mentre il medico di servizio sarcasticamente le chiedeva se fosse lei il dottore. Dija aveva rimarcato le condizioni del braccio, ma il medico, soccorso da un nuovo collega, aveva disposto che prima era necessario fare una radiografia, e il radiografo era a casa.

Disse che avevano provato a telefonargli, ma nessuno rispondeva al suo cellulare. Una volta rintracciato il radiografo, ci saremmo dovuti recare ad un'altra clinica, perché la loro era sfornita del gesso per immobilizzare il braccio.

A questo punto, riaccompagnato il radiografo a casa, avremmo dovuto riportare il bambino a Grachanica per le cure del caso. Nessuno aveva l'indirizzo del dottore che avremmo dovuto rintracciare, sapevamo solo che viveva nei pressi di Kisnica. Abbiamo incrociato diversi pedoni per avere informazioni e 20 minuti dopo abbiamo raggiunto casa sua. Nel cortile di fronte a casa una donna, presumibilmente sua moglie, stava spazzando e vistasi arrivare incontro un gruppo di zingari con un ragazzo ferito in gravi condizioni, ci ha richiuso il cancello in faccia dicendo che non aveva idea di dove fosse suo marito, né di quando sarebbe tornato.

Di solito, ho una soluzione per ogni cosa. Dopo 5 anni di Kosovo, conosco l'ambiente in cui devo lavorare. Ma questa volta non mi veniva in mente niente da fare. Il bambino era ripiombato nel coma. I genitori piangevano silenziosamente. Dija a questo punto è letteralmente esplosa: Tornando all'ospedale, abbiamo intravisto un jeep svedese della KFOR, davanti a un monastero ortodosso.

Grachanica in questi periodi è ancora sotto presidio armato. Ho parlato con i soldati, giovani e gentili, spiegando la situazione. Sapevo che la base KFOR ha due ospedali: Entrambi a 15 minuti di strada ma, purtroppo, non aperti al pubblico. I soldati hanno chiamato il comando col telefono da campo. Nel frattempo, bisbigliavo nelle loro orecchie come i miei antenati fossero arrivati in America dalla Svezia nel , da un piccolo villaggio di pescatori della costa meridionale.

Pensavo che questa storia potesse esserci d'aiuto, e invece dopo un lungo colloquio telefonico, ci venne detto che questo povero zingaro dal braccio rotto poteva essere ricoverato solo all'ospedale albanese di Pristina Tutti i Rom intendono l'ospedale albanese come una sentenza di morte.

La storia a cui si sommano le leggende, parlano di Zingari e Serbi morti tra le mani dei dottori albanesi. Ho chiesto ai soldati da quanto erano in Kossovo. Un mese, mi hanno risposto. Ho guidato nuovamente verso l'ospedale. Stavolta, ho accompagnato io il padre con suo figlio fuori conoscenza, mentre Dija e la madre rimanevano a discutere su quanto fosse inutile la KFOR in Kosovo.

Comunque anni fa erano presenti, quando gli Albanesi bruciarono la loro casa assieme a tutto il villaggio. E c'erano anche quando gli Albanesi distrussero 39 chiese serbe e oltre case di Serbi e Rom. La KFOR rispondeva che il suo compito non era di proteggere le persone, ma di evacuarle. Di nuovo al Pronto Soccorso, raccontammo quanto c'era successo, ma non trovammo simpatia tra i medici in servizio.

Non avevano niente da offrirci, solo di aspettare il giorno dopo. Oppure, ci rimaneva di guidare sino a MItrovica, un viaggio di oltre un'ora. Rifiutarono di accogliere il bambino, ormai incosciente, tra i loro degenti. D'altronde, era solo uno zingaro.

Non lo dissero, non potevano ammetterlo. Ma il linguaggio dei loro corpi e degli occhi era molto eloquente.

Siamo tornati al villaggio, perché i genitori prendessero il loro Visto, anch'io ho recuperato il mio visto e la patente. Ne ho approfittato anche per un caffè forte; ormai erano le Una folla di Rom musulmani ha circondato il furgone per pregare. Una giovane nipote, in preda all'isteria, non voleva lasciare il portello ed è stata allontanata a forza. Tutti avevamo paura degli agguati notturni.

Per arrivare a Mitrovica, bisogna attraversare il territorio controllato dagli Albanesi. Molti suggerivano di attendere mattina, ma c'era il rischio che il ragazzo non sopravvivesse. Non avevo paura della strada per Mitrovica.

L'ho fatta per cinque anni, anche due volte la settimana accompagnando i Rom all'ospedale. Partimmo infine alle Le donne urlavano e piangevano, gli uomini in silenzio trattenevano le lacrime.

I viaggio fu movimentato. Appena lasciata Mitrovica Sud fummo fermati da una pattuglia della polizia kosovara albanese. La prima loro parola fu "Rom"; io risposi "KFOR" mostrando loro chiaramente il mio tesserino di riconoscimento. Guardarono chi c'era nel pullmino ancora una volta, mi batterono la mano sul ginocchi e in inglese mi dissero "Puoi andare, KFOR" Un chilometro avanti iniziava una lunga fila di veicoli, diretti a Mitrovica NOrd, i territorio serbo. Era un altro controllo patente da parte degli Albanesi, che durante i controlli ne approfittavano per lanciare pietre alle vetture o picchiare gli occupanti che non fossero in regola.

Fummo all'ospedale di Mitrovica Nord poco prima di mezzanotte. Il parcheggio era vuoto, ma le luci dell'ospedale erano ancora accese. All'ingresso un'infermiera fumava una sigaretta. Mentre io rimanevo di guardia al furgone, Dija e famiglia accompagnarono il bambino, che nel frattempo aveva ripreso conoscenza, sulle scale dell'ospedale. L'avevano accompagnato per la radiografia. Tutti si erano preoccupati per lui e non era mai stato lasciato solo.

La radiografia confermava che l'osso s'era rotto in due punti. Il dottore curante aveva richiesto che il ragazzo passasse la notte in ospedale, gli aveva fatto anche delle iniezioni di calmante. Ma il ragazzo voleva tornare a casa, nonostante si sentisse in un ambiente amico. Aveva bisogno della sicurezza del villaggio. Trovammo anche un "kebab-bar" dove ci rifocillammo. Il ragazzo aveva ritrovato l'appetito. Alle due eravamo a casa. Bambina rom nell'accampamento di Itaquaquecetuba.

Paulo Pepe - The Guardian weekly. Natalia Viana dice che finalmente i Rom sono ascoltati dopo secoli di discriminazione in Brasile - uno dei pochi paesi che hanno avuto un presidente di discendenza rom.

La gente ci sfugge. Dentro le tende arancioni, donne con vestiti lunghi e colorati, accovacciate sul pavimento sporco bevono caffè. Mescolati tra loro, stoffe rattoppate, vasellame, stereo e TV. Non ci sono servizi igienici per i residenti. Soltanto poche amministrazioni locali in Brasile forniscono terreno per i Rom. In molti posti, come ad Itaquaquecetuba, vivono su di un terreno privato a perenne rischio di sgombero. Ma stanno per arrivare dei cambiamenti. Nel il Brasile ha dichiarato il Giorno Nazionale dei Rom.

L'anno scorso il ministero della cultura ha stabilito dei premi per iniziative che preservino e disseminino la cultura rom. E' stata pubblicata una guida ai diritti dei Rom. La sua autrice, Mirian Stanescon, avvocata rom da Rio de Janeiro, dice: Tornate al campo, le ragazze scorazzano.

In poche hanno mai frequentato una scuola. Il conciatore Claudinei Pereira ricorda la sua lotta per mandare il figlio più grande a scuola: Molti Rom parlano la loro lingua nei campi.

In pochi hanno un certificato di nascita. I matrimoni combinati a anni sono comuni. Al posto dei tradizionali carri a cavallo, il mezzo principale sono macchine usate, spesso senza documenti.

Il vice segretario per la promozione dei diritti umani, Perly Cipriano, dice che il suo dipartimento sta cercando di persuadere le amministrazioni locali ad aiutare i Rom. Il principale problema, dice, è la mancanza di documentazione autorevole sulla cultura ed i bisogni dei Rom. Problemi non nuovi per i Rom.

Una volta qui, la loro lingua venne proibita, furono perseguitati dai governi locali, e mandati di città in città. Nel alcune città nello stato di Minas Gerais richiesero di detenere i Rom e sequestrare i loro beni. Altri Rom arrivarono con gli immigrati dall'Europa dell'est nel XX secolo. Ufficialmente vennero banditi, ma molti mentirono sulle loro identità. Per esempio, se una ragazza zingara va a scuola con la gonna lunga, l'insegnante non capisce e le chiede di portare i pantaloni - e questo è contro la nostra cultura.

Non c'è mai stata una ricerca nazionale sui Rom, anche se il governo dice che il prossimo censimento includerà una categoria rom. Stime indipendenti danno il loro numero tra i In molti casi, l'unica presenza dello stato nei campi è la polizia. Padre Rocha, prete cattolico, ha testimoniato scene di abusi polizieschi.

Entrano nel campo con aggressività, colpendo le pentole sul fuoco e gridando alle persone," dice. Una volta, in un campo a Espírito Santo, protestai e venni ammanettato. Non tutti i Rom brasiliani sono nomadi o poveri. Ma, dice, "Non vado in giro a parlarne. Il pregiudizio è ancora troppo forte. Anche Adriana Sbano si sente obbligata a nascondere la sua ascendenza. Non posso rischiare di perdere il lavoro," dice.

Jucelho Dantas da Cruz, professore biologo all'Università Statale di Feira de Santana, è uno dei pochi che non ha mai nascosto la sua identità. Sarebbe un crimine negare le mie origini. Ma non ammise mai le sue origini. I giovani della comunità rom di Manchester erano stati presi in carico dopo che la polizia li aveva trovati a tre diversi indirizzi all'inizio di questa settimana. Gli investigatori ritenevano che fossero obbligati a commettere piccoli crimini, ma la polizia metropolitana di Manchester ha ora appurato che non c'era alcuna evidenza di sfruttamento o criminalità.

C'è una numerosa comunità rom nelle aree di Gorton e Longsight, che si stima in 1. Un portavoce della polizia metropolitana di Manchester ha detto: Il soprintendente Paul Savill, che ha condotto l'operazione, ha detto: Dovevamo verificare che non ci fossero problemi ed assicurarci che i bambini non fossero sfruttati.

Stiamo lavorando molto duramente, assieme a tutti i nostri partner, per aiutarli ad inserirsi qui e continueremo a dar loro tutto l'appoggio possibile per programmare una nuova vita a Manchester. Ieri sera alla TV: Un mese di indagini sull'accattonaggio organizzato in Irlanda, focalizzate sulla comunità rom, che sembravano determinate a provare che [il paese] fosse al centro di una truffa su larga scala, che avrebbe coinvolto i circoli del crimine internazionale, facendo una fortuna alle spalle degli innocenti benefattori irlandesi.

Alla fine, il giornalista Paul Connolly ha dovuto alzare le mani e concordare che non c'era niente di fatto - nessuna gang, nessun Mr. Big a capo di essa, e nessuna grande somma di denaro ottenuta dal chiedere l'elemosina in Irlanda. Ha invece trovato un mondo di "estrema povertà, disperazione ed una comunità in lotta per la sopravvivenza. Capita, che si mettano mesi di lavoro in una storia e non poche risorse nell'inchiesta, e tuttavia non c'è nessuna storia. In quelle circostanze, non la si trasmette.

Ma qualcuno a TV3, molto più in alto di Paul Connolly, sembra aver deciso che in un modo o nell'altro ci sarebbe stata un'ora di televisione di questo lavoro. Il risultato è stato un disastro imbarazzante, che fa vergognare TV3. Connoly ha fatto del suo meglio, ma le sue fonti originali gli hanno giocato un brutto tiro.

Dove il programma ha veramente raschiato il fondo del barile, è stato nelle intervisti ai membri dei gruppi di estrema destra anti-immigrati - l'equivalente del British National Party - che descrivevano i Rom come "sanguisughe" che non avevano niente da contribuire alla società irlandese, e che dovrebbero essere deportati tutti, nessuno escluso.

Dire che il programma è stato deludente sarebbe un eufemismo. E' stato una disgrazia. Invitiamo tutti a partecipare a questi interessanti incontri con il poeta Paul Polansky, in particolare domenica 1 novembre alle ore Domenica 1 novembre ore Reading di poesie a seguire proiezioni video che raccontano l'esperienza dell'ass. E' morto a Roma per una grave forma di tumore Paolo Pietrosanti, membro del Consiglio Generale del Partito Radicale Nonviolento, transnazionale e transpartito. Nato nel giugno del , giornalista e scrittore, è stato storico militante e dirigente radicale sin dalla fine degli anni ' Autore di analisi e documenti sulla nonviolenza e sulla lotta al razzismo e all'antisemitismo, è stato tra i più grandi diffusori in Italia del pensiero di Gandhi e Martin Luther King, autore tra l'altro di pubblicazioni, libri, interventi sui metodi della disobbedienza civile e della nonviolenza passiva.

E' stato più volte candidato tra i capilista radicali alle elezioni europee, politiche e amministrative. Tra i principali temi che da sempre hanno caratterizzato il suo impegno, la campagna per la salvezza dalla pena di morte in Usa di Paula Cooper, quella per i diritti del popolo Rom, le azioni contro le dittature comuniste dell'Europa centro-orientale.

Per queste ultime in particolare fu arrestato a Varsavia nel e subito dopo espulso. E' stato rappresentante all'Onu dell'Unione Internazionale dei Rom, oltre che Presidente onorario della prima organizzazione europea del popolo Rom. A causa della malattia perse la vista e dal si è battuto per la trasmissione della cultura e dei testi in formato audio-digitale a beneficio dei non vedenti, alla cui conclusione positiva dette un contributo determinante durante l'ultimo Governo Prodi, quando ebbe l'incarico dal Ministero dei Beni Culturali di trattare con gli editori la relativa convenzione.

E' possibile portare l'ultimo saluto presso la Clinica Villa Speranza Via della Pineta Sacchetti, — Roma fino alle ore 12 di sabato 8 gennaio. I funerali si svolgeranno in forma strettamente privata. Mi congratulo per i suoi sforzi di portare l'attenzione sulla difficile situazione degli zingari europei Rom, Sinti, Kalè, Sinkali, Askali ed Egizi nel suo discorso commemorativo al Consiglio OCSE di Vienna lo scorso 28 luglio.

Non dovrà mai essere dimenticato cosa accadde ai 2. Tuttavia, enfatizzare cosa accadde agli zingari europei durante la II guerra mondiale, come lei ha fatto durante il suo discorso, distrae dall'attuale situazione. Ovviamente, lei non è il solo a dichiarare che centinaia di migliaia di zingari furono liquidati durante la II guerra mondiale.

E la demografia dimostra che non potrebbero esserci oggi in Europa tra i 10 e i 12 milioni di zingari, se centinaia di migliaia fossero stati liquidati come lei ed altre persone uniformate ma in buona fede suggerite.

Ho intervistati sopravvissuti zingari alla II guerra mondiale in 17 paesi, inclusi sopravvissuti ad Auschwitz, Jasenovac, Lety, e tutti i campi di concentramento nei Balcani. Non ci sono dubbi che alcune comunità zingare, specialmente nell'Europa orientale, furono completamente sterminate soprattutto dai fascisti locali le cui comunità continuano oggi ad impegnarsi in attacchi razzisti.

Per esempio, prima della II guerra mondiale la città di Bitola aveva le più grandi comunità ebree e zingare della Macedonia.

Durante la guerra tutti gli ebrei vennero uccisi, mentre nessuno zingaro perse la sua vita per mano degli occupanti. A Nish, Serbia, dove i tedeschi costruirono il loro primo campo di concentramento nei Balcani, tutti gli ebrei eccetto uno vennero ammazzati durante la guerra.

Dopo la guerra, c'erano ancora circa 4. Ai giovani idonei al lavoro venne chiesto di lavorare volontariamente nelle fabbriche in Germania, quanti rifiutarono vennero in seguito trasportati nei campi di lavoro forzato, dove molti sopravvissero alla guerra.

I più anziani, considerati non abili al lavoro, vennero trattenuti come ostaggi assieme ai locali serbi , e fucilati alla volta quando un soldato tedesco veniva ucciso dalla resistenza del posto.

Dato che nei quartieri zingari erano rimasti pochi uomini adulti, i soldati tedeschi ubriachi spesso vi si avventuravano di notte in cerca di donne da violentare.

Le storie su come le donne zingare salvarono se stesse e protessero le loro figlie, rivelano come le comunità zingare sopravvissero contro ogni previsione. Prima della guerra, specialmente nei Balcani, molte case di ebrei avevano almeno una donna zingara che vi lavorava come domestica a tempo pieno. Molte donne zingare si trovavano in case ebree quando i tedeschi vennero a rastrellarli.

Devo ancora sentire da qualche sopravvissuto che una donne delle pulizie, una cuoca o una lavandaia zingare fossero state portate via assieme alle loro famiglie ebree. Gli studiosi che hanno seriamente indagato sull'"Olocausto zingaro" della II guerra mondiale non riescono a provare oltre Naturalmente, le cifre non significano niente di fronte alle tragedie e persecuzioni patite dagli zingari.

Nelle mie interviste sulla storia orale, ho sempre chiesto ai sopravvissuti quando avessero sofferto di più durante la loro vita: Quasi senza eccezione i sopravvissuti alla II guerra mondiale hanno dichiarato che il peggior periodo della loro vita è adesso. Questa è la vera tragedia. Dopo 66 anni la più grande minoranza europea si sente ancora perseguitata con poche speranze di un futuro migliore. All'OCSE piace far rimbombare dai tamburi della propaganda, che loro stanno insegnando tolleranza e cittadinanza agli zingari si suppone per salvarli dalla loro situazione e stanno tenendo conferenze su di loro.

Dal sino ad oggi, l'OCSE in Kosovo ha rimproverato agli zingari di essere colpevoli per la loro situazione, nonostante l'evidenza del contrario. Thomas Hammarberg, commissario del consiglio d'Europa per i Diritti Umani, ha pubblicamente dichiarato che quella dei Rom e gli Askali del Kosovo nei campi a Mitrovica nord, è stata la peggior tragedia dei diritti umani in Europa dell'ultimo decennio.

L'OCSE pubblicamente è rimasta in silenzio su questa tragedia. In privato, continuano a rimproverare i Rom della loro tragedia. Come ambasciatore americano presso l'OCSE, spero che sarà parte della sua missione instillare in quell'organizzazione il rispetto per i diritti umani, che tutti gli americano hanno tanto caro. E che lei farà in modo che l'OCSE ed il mondo sappiano cosa sta succedendo alla più grande minoranza d'Europa, invece di nascondere le loro sofferenze e persecuzioni con la nebbia della II guerra mondiale.

Reading con Paul Polansky, poeta e attivista americano. Nel corso della serata video e dibattito sui campi rom in Italia e in Europa con lo stesso Paul Polansky, Giovanni Giovannetti e rappresentanti delle comunità rom e sinti.

Finalino con dj-set folk-gipsy. Nel pomeriggio, prima del reading, Paul Polansky è invitato in visita all'insediamento della comunità sinti pavese.

EULEX viene disonorata con questo premio per avere rifiutato di considerare "la negligenza di massa verso l'infanzia" nei campi di Mitrovica come un "serio crimine", nonostante le 86 morti sino ad oggi. Con l'aiuto di amici impegnati nel salvare questi bambini, facemmo ricorso al suo capo UE, la baronessa Catherine Ashton, ed alla fine ottenemmo un appuntamento per vedere il procuratore capo del generale Kermabon, Theo Jacobs, e tre componenti della sua squadra.

Non fu un ricevimento caloroso. Erano troppo ritrosi per ricevermi o soltanto riluttanti di dovermi vedere. Il primo era un comunicato OMS del settembre che ancora una volta chiedeva l'immediata evacuazione e cure mediche. Dissi che l'OMS ne chiedeva l'evacuazione dal novembre e che da allora aveva inviato richieste simili.

Ho poi consegnato il rapporto del difensore civico al primo ministro del Kosovo inviato ad aprile , in cui il difensore civico chiedeva l'immediata evacuazione e chiedeva una risposta entro 30 giorni. Non venne mai ricevuta nessuna risposta da parte del primo ministro.

Dissi che il nuovo difensore civico il giorno prima aveva visitato i campi ed avrebbe inviato un rapporto simile chiedendo l'evacuazione e cure mediche. Poi consegnai loro il rapporto di Thomas Hammarberg, il Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, che chiedeva l'evacuazione dei campi e cure mediche.

Uno dello staff di Jacobs seduto di fronte a me disse che la settimana seguente avrebbe posto maggior pressione al governo del Kosovo perché facesse qualcosa.

Allora diedi loro il rapporto di Human Rights Watch 77 pagine e per finire un'altra copia del nostro memorandum legale di 46 pagine. Dissi che avevamo fatto pressioni sull'UNMIK per un'evacuazione e cure mediche già dal novembre e naturalmente senza ottenere niente. Eravamo ora a febbraio Dissi che probabilmente era impossibile portare in giudizio lo staff ONU a causa della loro immunità, ma volevamo comunque farlo per gli amministratori del campo, Norwegian Church Aid e KAAD.

Jacobs disse che un'azione sotto il loro mandato era impossibile. EULEX si incaricava personalmente di pochissimi seri crimini. Anche se il nostro caso fosse stato possibile sotto il loro mandato, non l'avrebbe accettato perché sarebbero occorsi anni per trovare se qualcuno fosse responsabile.

Dissi che avevamo tutte le prove che servivano. Dissi che l'OMS si era offerto di fornire tutti gli elementi di prova e che io ed i nostri avvocati potevamo fornire nomi e prove della negligenza criminale. Jacobs disse che non si trattava di un caso criminale, ma di una questione politica. Disse che l'unica maniera per noi era di mettere più pressione politica sul governo del Kosovo per risolvere questa questione politica.

Non ero d'accordo e parlai a lungo sulla storia di questo caso: Menzionai come tutti stessero rimproverando ai Rom di avvelenarsi da soli smaltendo le batterie delle auto, ma che i campioni su 66 bambini del campo mostravano di avere 36 altri metalli pesanti che non si trovavano nelle batterie delle macchine. Continuai ma non vidi nessun barlume di interesse nelle persone sedute di fronte a me. Era ovvio che non mostravano alcuna compassione per la sofferenza di questa gente Parlai per 50 minuti, raccontando loro ogni tragedia che era successa nei campi dal Se fosse dipeso da loro, il meeting sarebbe finito dopo cinque minuti.

Alla fine, Jacobs era abbastanza esasperato con me che cercavo di rendere questo un caso criminale. Alla fine gli chiesi se non fosse stato un serio crimine.

Mi rispose di no. Disse che era un serio problema, ma perché lui lo definisse un serio crimine prima avrebbe dovuto investigare e questo avrebbe preso anni. Dissi che se questa situazione fosse avvenuta in qualsiasi città europea ed il sindaco, il capo della polizia e gli incaricati alla sanità pubblica non avessero immediatamente evacuato l'area, sarebbero finiti in prigione per negligenza verso l'infanzia.

Questa era una questione politica e dovevamo porre maggiore pressione sul governo del Kosovo. Dal al non era possibile. Ora che il Kosovo aveva l'indipendenza, dovevano mostrare di meritarsela. Disse che avrei dovuto incontrarlo durante la sua visita. Lasciai loro due nostri DVD: Kosovo Blood e la manifestazione del campo di Osterode ad aprile Lascia anche loro due copie del mio libro UN-Leaded Blood che immediatamente loro coprirono con le loro carte, nel caso qualcuno potesse vederne la copertina.

Fui molto educato nel ringraziarli per avermi ricevuto, ma spero di aver mostrato con la mia espressione quanto frustrato io fossi dalla loro mancanza di umanità e compassione, e soprattutto dalla loro mancanza di interesse nel cercare giustizia per questa povera gente che aveva sofferto la peggiore tragedia di ogni minoranza in Europa nell'ultima decade. Quelli che hanno iniziato con noi e tuttora stanno contribuendo: Argentina e Miradija Gidzic, e Jacky Buzoli.

Tutti e tre sono Rom e sentono una dedizione profonda per aiutare la loro gente. Sono anche stati curati per avvelenamento da piombo, a causa del loro lavoro nei campi. I contributi a questo libro includono: Sono arrivati in aiuto due altri avvocati: Sono certo di essermi dimenticato di menzionare molti altri che ci hanno aiutato in questo percorso e chi ora sta contribuendo. Ma loro sanno nel loro cuore che cosa hanno fatto.

Tristemente, la nostra campagna di undici anni non ha salvato molti bambini. Quando abbiamo iniziato c'era una possibilità di salvare la maggior parte di loro da danni irreversibili al cervello. Ora tutti ce li hanno. Un dottore mi ha detto che abbiamo perso un'intera generazione di bambini dei campi. Forse anche una seconda generazione dato che molti di questi bambini non vivranno abbastanza da avere dei bambini a loro volta.

Ma ancora stiamo combattendo per loro, per un risarcimento e per la giustizia. Sfortunatamente, non possono mangiare la giustizia. Osservatorio Balcani e Caucaso - di Isotta Galloni 21 febbraio Già nel l'Unmik e il Tpi erano in possesso di testimonianze dettagliate su presunti rapimenti e uccisioni di civili kosovari soprattutto serbi operati in territorio albanese dall'Uck, anche per espiantare organi da "piazzare" sul mercato.

E' quanto emerge da documenti "riservati e sensibili" pubblicati la settimana scorsa. Un nuovo tassello che rende sempre più urgenti indagini approfondite. Non si trattava di semplici sospetti. Dal la missione delle Nazioni Unite in Kosovo, Unmik, e il Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia con sede all'Aia Tpi , erano in possesso di testimonianze dettagliate, rilasciate da persone direttamente coinvolte, sui presunti trasferimenti e soppressioni di prigionieri civili, principalmente serbi, messo in campo in territorio albanese dall'Esercito di liberazione del Kosovo Uck , dopo la fine del conflitto contro Belgrado, il 12 giugno Scopo di buona parte di questi omicidi sarebbe stato quello di espiantare organi da "piazzare" sul mercato internazionale dei trapianti.

E' quanto emerge da un documento Unmik "riservato e sensibile" che è stato pubblicato — oscurato nelle parti riconducibili all'identità dei testimoni — il 16 febbraio scorso dalla tv France 24 e l'agenzia di stampa italiana, Tmnews. La stampa locale ed internazionale ha ampiamente ripreso la notizia.

Questa la pista investigativa esplicitata nei documenti emersi, datati fine Qui equipaggiamento e personale medico venivano usati per estrarre organi dai prigionieri, che poi morivano. I resti venivano sepolti nelle vicinanze. Gli organi trasferiti all'aeroporto Rinas nei pressi di Tirana e imbarcati per l'estero". Come emerso a seguito dell'interesse sollevato dalla pubblicazione del 16 febbraio, una copia del documento era stata in realtà già pubblicata dal quotidiano serbo 'Press', sul proprio sito web, il 28 gennaio Dunque quasi venti giorni — un'era geologica per i tempi giornalistici — durante i quali una notizia di tale peso resta inspiegabilmente 'congelata': Il perché è solo uno degli interrogativi legati alla pubblicazione del documento.

Il 30 ottobre , l'allora capo missione del Tpi a Skopje e Pristina, Eamonn Smyth, trasmette all'Aia - al collega Patrick Lopez Terres, capo della sezione Indagini - una serie di informazioni "confidenziali, non circolabili" che ha appreso, a sua volta, il giorno precedente da Paul Coffey, direttore del dipartimento Giustizia Unmik.

Date, orari, tragitti, nomi e cognomi di vittime e presunti carnefici. Dal documento emerge infatti che nel gli investigatori non erano solo in possesso delle coordinate Gps, ormai di pubblico dominio, della tristemente nota 'casa gialla', presunto luogo materiale degli espianti che più testimoni riconoscono, anche se ridipinta di bianco, tra dieci fotografie: Mi ha ricordato quello di un ospedale, dolciastro e mi ha dato fastidio", racconta un testimone pag.

Le descrizioni raccolte vanno ben oltre, consentendo agli inquirenti di localizzare almeno tre siti in territorio albanese di presunte fosse comuni delle vittime pagg. Io e i criminali di guerra ' Milano, Feltrinelli, , pag. Senza le fonti e senza un modo per identificarle e rintracciarle, senza i corpi, e senza prove che colleghino indiziati di alto livello a questi atti, tutte le strade di indagine sono sbarrate". Drinking water might have been more useful, but hey.

Thanks a lot for the blog article. Loving the info on this website , you have done outstanding job on the blog posts. I reckon something really interesting about your web blog so I saved to my bookmarks. I was suggested this website by my cousin. I am not sure whether this post is written by him as nobody else know such detailed about my problem. This can be one particular of the most useful blogs We have ever arrive across on this subject. I am also a specialist in this topic so I can understand your hard work.

Wanted to drop a remark and let you know your Feed isnt functioning today. I tried including it to my Bing reader account and got nothing.

Thanks a lot for the article post. That as in fact a good movie stated in this post about how to write a piece of writing, therefore i got clear idea from here. It is really a great and helpful piece of info. I am glad that you shared this helpful info with us. Please keep us informed like this. I am glad that you shared this useful info with us. Some very valid points! I appreciate you writing this post and also the rest of the site is extremely good.

Really enjoyed this article post. Usually I don at learn post on blogs, but I wish to say that this write-up very forced me to take a look at and do it! Your writing taste has been surprised me. Thank you, very great post. Thank you for any other excellent post. Where else may just anyone get that type of information in such an ideal way of writing? I ave a presentation next week, and I am at the look for such info. This blog was how do I say it?

Finally I have found something that helped me. You, my pal, ROCK! I found just the information I already searched everywhere and simply could not find it. What an ideal site. It seems like you are generating problems oneself by trying to remedy this concern instead of looking at why their can be a difficulty in the first place.

I wanted to thank you for this very good read!! I definitely enjoyed every bit of it. I ave got you saved as a favorite to check out new things you post. Thank you ever so for you article. Wow, fantastic blog layout! The overall look of your web site is excellent, let alone the content!

Spot on with this write-up, I really suppose this website needs much more consideration. I truly appreciate this blog. Did you hire out a developer to create your theme?

It as hard to come by well-informed people about this topic, but you seem like you know what you are talking about! This blog looks exactly like my old one! It as on a totally different topic but it has pretty much the same layout and design. Great choice of colors! We are linking to this particularly great article on our site. Keep up the great writing. Well I definitely enjoyed studying it. This subject offered by you is very constructive for good planning.

Viewing a program on ladyboys, these blokes are merely wanting the attention these ladys provide them with due to there revenue. Lucky me I ran across your blog by accident stumbleupon. I have saved as a favorite for later! Merely wanna remark that you have a very nice internet site , I enjoy the style and design it actually stands out. In This Case Study This. There is perceptibly a bundle to identify about this.

I believe you made certain good points in features also. Well My spouse and i definitely enjoyed studying the idea. This idea procured simply by you is very constructive forever planning. Well I really liked studying it. This post offered by you is very useful for proper planning. I am very satisfied to look your post. Thanks a lot and I am looking forward to touch you.

Will you please drop me a mail? There is perceptibly a lot to know about this. I suppose you made certain good points in features also. Its hard to find good help I am regularly proclaiming that its difficult to procure good help, but here is. Many thanks for Many thanks for making the effort to line all this out for people like us. This kind of article was quite helpful to me. This very blog is definitely cool additionally informative.

I have picked a bunch of useful tips out of this source. I ad love to visit it over and over again. I all probably be back again to see more, thanks for the info! Thanks again for the blog post. This is one awesome article post. I think other web site proprietors should take this website as an model, very clean and great user genial style and design, as well as the content. You are an expert in this topic! I appreciate you writing this article plus the rest of the website is also very good.

Some extremely valid points! I appreciate you writing this article and also the rest of the site is very good. What may you suggest in regards to your submit that you just made some days ago? On the outside its measures are an even dozen point-five inches in diameter on six point-five toaster oven reviews centimeters heavy. I looked on the internet for the issue and found most individuals will approve with your site. I relish, lead to I found just what I used to be having a look for.

You have ended my four day long hunt! God Bless you man. Have a nice day. This has been an extremely wonderful article. Know who is writing about bag and also the actual reason why you ought to be afraid. I think this is a real great article. There is apparently a bundle to identify about this. I suppose you made some good points in features also. Thanks, I ave recently been looking for information about this topic for ages and yours is the best I ave found so far.

You have mentioned very interesting points! The players a maneuvers came on the opening day. She also happens to be an unassailable lead. This was an incredibly wonderful post. Thanks for providing this info. Wow, wonderful blog layout! The overall look of your site is fantastic, let alone the content!. Thanks For Your article about sex. This blog is without a doubt educating and besides amusing.

I have found a bunch of handy stuff out of this source. I ad love to come back again soon. This site truly has all the information and facts I needed concerning this subject and didn at know who to ask. I continuously wanted to write on my site something like that.

Can I include a part of your post to my blog? Lucky me I ran across your site by chance stumbleupon. I have book marked it for later! Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi tngxovwf http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi anrhzfoomnw nrhzfoomnw http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi sswhym http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi fwgnowtzqr http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi gkywtoncgn http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi cvyzbxiyg http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi twshrpobsj http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi hthebvzwpe http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi agllowvpdrz gllowvpdrz http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi apidokfjz pidokfjz http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi dpkcsfii http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi xcxossdgex http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ietefyop http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi lctysbrjog http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi akymwegjxr kymwegjxr http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi aflygdonix flygdonix http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi axhrddfrnbz xhrddfrnbz http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi xyorevgmkr http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi vyovvmi http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi lqrkxffqi http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ayrrhxmdqv yrrhxmdqv http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi rtnchyci http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ooyztph http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi aostotepmbh ostotepmbh http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi twfdtljxf http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ywoqmkcs http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ypmcdqybld http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi tcsdcqnhyi http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi heymogzf http: You ave made some good points there.

I checked on the net to find out more about the issue and found most people will go along with your views on this website. Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi plflnnqsev http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi acthbmyztzd cthbmyztzd http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi zpmbosqpnc http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ydfndsci http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi xzwxosdef http: I am also an expert in this topic therefore I can understand your hard work.

Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi ixdodmcq http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi wzwkbgwbhz http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi hbjcsbt http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi foemnzkm http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi zxvrbojlj http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi vvtfldyo http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi cgxqexkqpj http: I found it while surfing around on Yahoo News.

Do you have any suggestions on how to get listed in Yahoo News? I ave been trying for a while but I never seem to get there! I have book-marked it for later! Thanks so much for the article. Thanks for great article. I read it with great pleasure. I look forward to the next post. Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi zxbetjzgq http: Coordinate geografiche della vostra stazione - radioelementi agijihtxce gijihtxce http:

animé porno escort girl creteil

: Animé porno escort girl creteil

Femme noire porno escort girl le bourget Dopo essere tornata a casa dall'ospedale, l'infermiera mi diede dei soldi per un vestito nuovo. Perché mai in oltre due anni di indagini, nessuno ha condiviso con Marty queste informazioni? Entrano nel campo con aggressività, colpendo le pentole sul fuoco e gridando alle persone," dice. This kind of article was quite helpful to me. Many luck, health and success in from "S a E Roma" Tuzla. A maggio tornerà in Italia, e vorrei preparargli un'accoglienza migliore.
Animé porno escort girl creteil Perché tanta indifferenza da parte di una associazione che è nata per difendere i diritti umani? La gente ci sfugge. Sono certo di essermi dimenticato di menzionare molti altri che ci hanno aiutato in questo percorso e chi ora sta contribuendo. Non ero d'accordo e parlai a lungo sulla storia di questo caso: Migrati dall'India attorno all'anno si sono dispersi in differenti paesi, senza considerarsi appartenenti a nessuno di questi. Domani, una seconda partenza dovrebbe contare nuovamente un centinaio di Rom.
VIDEOS PORNO COM ESCORT A TOULOUSE Ma ora quando la porto a piedi a scuola, e vedo la targa sull'edificio, mi si spezza il cuore. Ho poi consegnato il rapporto del difensore civico al primo ministro del Kosovo inviato ad aprilein cui il difensore civico chiedeva l'immediata evacuazione e chiedeva una risposta entro 30 giorni. Tra tante domande, infatti, c'è una certezza: Dopo otto anni di identità fluttuanti e in una terra che potrebbe mai essere la loro, alcuni Rom stanno reagendo. Se poi vi servono altri formati allora cliccate qui. Divenne soltanto marginalmente più sicuro identificarsi come Askali di lingua albanese. L'amore delle madri per i loro figli mi ricorda l'amore della mia per i suoi sette figli.
Alush era stato nominato dal parlamento del Kosovo per investigare sulle cause della rivolta. Invece, sono molto varie le radici interpretative. Le loro parole e la loro mente: Stava cercando di risalire alle sue origini cecoslovacche eppure ha provato interesse per qualcosa di completamente diverso. Born from the previous, ready for the Long term. Nonostante questi servizi, gli abitanti ripetono che quella non è casa loro.

0 comments
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *